Passa ai contenuti principali

PIC NIC BRIDGET JONES STYLE

Allora che io sia un'accanita lettrice ormai lo sanno pure i sassi, ma non mi limito ai libri e alle riviste adoro leggere anche i blog e da sempre mi segno un sacco di ricette dal blog di Manolo, e così ho deciso di partecipare al contest...perchè proprio l'altro giorno io e le mie amiche stavamo dicendo di dover fare un pic nic, Le ultime due volte che ci abbiamo provato ed organizzato direi che Bridget Jones ci fa u baffo.

Primo tentativo: Pasquetta al lago di Bolsena ci organizziamo tutta la settimana tramite whatsup per decidere chi porta cosa e piatti da preparare, anche se il panino è sempre una soluzione, volevo preparare altro e così mi sono buttata sul polpettone di tonno...siamo partite da Terni con un sole meraviglioso e vento zero, convinte di fermarci sul prato fronte lago e goderci il nostro pic nic tra ragazze e invece no, arrivate la spiaggia è il prato erano deserti, anche perchè c'era un vento freddissimo e fortissimo...così abbiamo aspettato un pò e il pic nic lo abbuamo consumato sedute in macchina....abbiamo provato ad andare in altre location come Civita di Bagnoreggio ma niente, abbiamo fatto così tanti chilometri che ad un certo punto necessitavamo di una toilette ma niente...così abbiamo deciso di optare per il nostro lago di Piediluco temperatura calda, vento zero e sole meraviglioso...ormai il lago di Piediluco è diventato il piano B per eccellenza...
no no non fa mica freddo...fa freddissimo!!!

Non contente di ciò abbiamo deciso di riprovare per ferragosto, stesso posto, stesso piano, stessa compagnia...stavolta sia a Terni che a Capodimonte (che consiglio di visitare perchè c'è un museo molto carino e il ristorante Riva Blu non ha mai fatto storie per far entrare un cane insieme al/i padrone/a/i) sembrava regnasse il sereno e infatti siamo riuscite anche a farci un bagno, ma a mezzogiorno un nuvolone copre il cielo e poco dopo inizia a piovere,pure abbastanza forte, quindi abbiamo dovuto riprendere tutte le nostre cose e rimetterci in macchina per tornare a casa...stavolta ci siamo fermati a casa degli zii di Fede e abbiamo mangiato seduti intorno ad un tavolo, vestiti da mare praticamente ogni regola del bon ton...anche qui niente panini, ma io avevo preparato un'insalata di mare e le Cozze con pangrattato e limone, buonissime sia calde che fredde...
la speranza è l'ultima a morire e noi abbiamo la testa dura:P



COZZE, PANGRATTATO & LIMONE
Ingredienti: le quantità sono ad occhio, visto che la ricetta me la ha data mia mamma, posso solo dire che per 4 persone servono almeno due confezioni di cozze surgelate)

  • cozze (io di solito uso quelle surgelate)
  • olio
  • pangrattato
  • vino bianco
  • pepe
  • sale
  • aceto
  • limone
Preparazione: Prendete le cozze e verstele nella pentola ancora congelate e lasciatele andare a fuoco lento, appena si sono scongelate aggiungete oio, un pò di sale, pepe, si aggiunge il vino bianco e aceto e limone(l'aceto è facoltativo e ne basta un cucchiaio), poi aggiungere il pangrattato-che serve per raccogliere il liquido formato dalle cozze, far cuocere. In una ventina di minuti sono pronte e sono buonissime sia calde che fredde

creano dipendenza :P


Visto che la primavera sta arrivando e con lei le giornate più lunghe e le temperature più miti, stiamo pensando di fare qualche gita fuori porta, ma quest'anno siamo già preparate e abbiamo non un piano B, ma piani che vanno dalla A alla Z, con i nostri incovenienti, direi che Bridget Jones ci fa un baffo!!!

Commenti

  1. Outdoor trips sound like a great idea! I definitely need to get outside more once we are past the cold winter here in the United States.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I am agree with wrm temperatures and longer journeys outdoor is best choice:D

      Elimina
  2. Risposte
    1. Idem io sarei capace di mangiare l'intera pentola da sola😅

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

SILVIA'S INTERVIEW

E' da un pò che ci penso vorrei intervistare alcuni dei blogger che mi piacciono e quindi questa è la prima intervista di una piccola serie... Oggi facciamo due chiacchiere virtuali con Silvia di S in Fashion Avenue (in rosso i miei commenti e le foto le ho "rubate" dal suo instagram:P)

Allora iniziamo, presentati:
Allora eccomi con le domande, cercherò di esser il più possibile stringata, anche se come ormai saprai non ho il dono della sintesi. Mi chiamo Silvia Negretti e vivo a Roma(io ormai sono innamorata di questa meravigliosa città e ora che so che abiti in un complesso tipo Merlose Place prima o poi mi autoinvito a casa tua per nuotare:P), ho un’infinità di hobbies, quindi citerò solo quelli che pratico più frequentemente: sport, disegno (ho una laurea in fashion design ed anche fatto dei lavoro come illustratrice di moda per alcune riviste)-trovo che sia un lavoro fighissimo-, viaggi, fotografia, lettura, danza, shopping (ovviamente ^^), una passione per animali, f…

HAPPY MIND

Qualche mese fa entrando in libreria ho notato un sacco di libri dedicati allo stile "felice" del Nord Europa, ho voluto sfogliare un libro Hygge, ma ammetto di NON averlo voluto comprare anche perchè è già da un pò che ho deciso di voler guardare il bicchiere mezzo pieno ed ho fatto mia la frase " un sorriso costa meno dell'elettricità ma fa altrettanta luce"  ma volendo cercare sul web alla parola mindfulness ecco cosa si trova: Mindfulness è la traduzione di "sati" che in lingua pali, il linguaggio utilizzato dal Buddha per i suoi insegnamenti, significa essenzialmente consapevolezzaattenzione, attenzione sollecita. Queste qualità dell'essere possono venire coltivate attraverso la meditazione. Nella tradizione buddhista la samma sati (retta consapevolezza) è una delle vie del Nobile Ottuplice Sentiero, l'ultima delle Quattro Nobili Verità. La moderna mindfulness è una tecnica psicologica basata su questa e altre tradizioni meditative. Desc…