BOOK REVIEW

E' lunedì e io onestamente già punto al weekend, ditemi quello che vi pare ma io e il mio stomaco siamo un pò sottosopra, infatti sono un paio di giorni che il caffè si limita a uno oppure nulla...vabbè il lato positivo è che mangiare di meno di sicuro male non mi fa...

Detto ciò ieri sera dopo un pomeriggio a chiacchierare con la mia amica d'infanzia-ho pure portato gli ovetti per la mia nipote ufficiosa e i cioccolatini per la mamma:P-mi sono messa a leggere il libro "Cosa non farei per trovare un fidanzato" e vuoi o non vuoi lo ho preso poichè una dei due autori è LA PINA e io qui lo dico io ho proprio una super simpatia per lei e lo giuro ho letto solo i primi tre capitoli ma mi sono ritrovata a sorridere più di una volta... l'altro libro che stavo leggendo L'Amore è un foulard è stato inserito nella busta dei libri da destinare al mercatino dell'usato, proprio non riesco ad andare avanti...

Di cosa parla il libro che farà sorridere, cioè io sono sicura già a priori che la recensione al termine sarà favolosa:
In amore ti senti tutta sbagliata? Non sei la sola. 
A dire cosa fare son bravi tutti. Ma cosa NON fare? Quello non te lo dice mai nessuno. Finora. 


La soluzione che tutte aspettano finalmente c’è. In questo libro di ecologia sentimentale La Pina e Federico Giunta spiegano una volta per tutte cosa evitare se vuoi trovare un fidanzato. È un lavoro sporco, ma qualcuno doveva pur farlo. 

I fatti e le persone raccontati in questo libro non sono puramente casuali. Riguardano voi, le vostre amiche, vostra sorella, le vostre cugine e le colleghe dell’ufficio. Forte rischio di immedesimazione nei personaggi. Fatevi coraggio buona lettura. 

«Siamo state tutte lasciate almeno una volta nella vita. Tutte ci siamo abbrutite ascoltando le canzoni sbagliate, indossando outfit orrendi. A un certo punto, però, bisogna reagire. La verità è che ogni giorno che passate a compiangervi è un giorno lontano dal vostro prossimo amore. Ok. È vero. Detta così sembra troppo facile. Perché quando si sta di merda si sta di merda, è inutile dirvi che dovete smettere di soffrire perché è come dire a uno che sta morendo di sete: ‘Non hai sete’. Allora facciamo un programma preciso. Crogiolatevi. Avete diritto a crogiolarvi nel dolore, ma non per più di tre mesi. In questi primi tre mesi vale tutto: l’ascolto delle canzoni strappacuore a ripetizione, il controllo ossessivo dei suoi social, sfogliare le foto in cui eravate felici insieme, lo stato di donnuta (mezza donna, mezza tuta), farsi pena, mangiare dal frigo, lavarsi poco. Persino il ciappo è concesso in questi tre mesi. Se vale tutto, vale tutto. Meglio toccare il fondo definitivamente, ma allo scadere del novantesimo giorno, bisogna alzarsi, vestirsi, via i baffi, via la ricrescita, manicure, pedicure e aprire la finestra. La vita ricomincia. La vita deve ricominciare. Tanto lui non torna, e se torna almeno vi trova in ordine.»


Ora stasera continuo la lettura nel frattempo meglio sistemarsi le unghie che non si sa mai arrivi il vecchiettino che decide di farmi un super mega bonifico;P!!!

Commenti

  1. Guarda, ormai lo sai, a me questi manuali non convincono affatto (magari sarà pure perchè non rientro nella categoria di quelle che si danno troppa pena per amore), però su una cosa sono d'accordo: anche a me la Pina sta tanto simpatica!^^
    Detto questo, io non ho mai sofferto così tanto per amore, quindi per me tutta questa trafila dell'imbruttirsi perchè qualcuno mi ha lasciata non è proprio mai esistita!
    Cioè è ovvio che abbia avuto delle storie finite male, ma sono sempre stata abbastanza sincera con me stessa da capire sia che la cosa si stava avviando alla fine (e quindi arrivarci preparata) sia che era me sarebbe stato senz'altro meglio così!
    Poi oh, sarà che sono molto orgogliosa, ma non mi faccio proprio rovinare la vita da qualcuno che mi vuole diversa o che magari io vorrei diverso... E soprattutto io metto me stessa sempre al primo posto, quindi posso soffrire sì, è normale , ma non esiste proprio che mi imbruttisca come se tutto il mio mondo girasse intorno a lui!
    Semmai faccio di tutto per farlo ingelosire senza rivolgergli più la parola, quello sì (e lo so che sembra una follia, ma è il mio modo per fargliela pagare), ma deprimermi per un ragazzo, proprio no!
    Come si dice morto un Papa se ne fa un'altro! ;P
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.com

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La vera motivazione per il quale ho comprato il libro è LaPina, storie finite male probabilmente le abbiamo tutti...ma ti assicuro leggere il libro ti rallegra la giornata. Di questi manuali va a finire che ne scriveri uno io, nel caso lo compri? Io neanche mi struggo per amore sarà che ho raggiunto una certa maturità,metto me stessa in primis e non devo colmare vuoti😘

      Elimina
  2. Sembra molto divertente questo libro... I libri sono sempre un'ottima idea regalo! Buona serata.
    https://chicchedimamma.com/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me sta piacendo molto ok sono di parte per l'autrice LAPINA ma fa ridere e il libro è sempre una buona idea e un buon investimento:D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

INTERVIEW-FABIO & IL FERMO IMMAGINE

BOOK REVIEW: TAGLIA CUCI AMA