Passa ai contenuti principali

BOOK REVIEW: IL PICCOLO NEGOZIO DELLA FELICITA' HYGGE

E' da un pò che metto in borsa un libro o una rivista per non guardare sempre lo schermo del cellulare durante i miei viaggi in treno, lo devo dire provo una grandissima soddisfazione quando arrivo all'ultima pagina di un libro e chiusa la copertina rimango con un sorriso...

Mi è accaduto con il libro"Il piccolo negozio della felicità Hygge"-lo dico chiaro e tondo io ancora non ho ben capito quale sia la pronuncia esatta ma sopravvivo uguale, all'inizio questa cosa dell'Hygge pensavo fosse una tendenza, una moda passeggera ed effimera ed un pò mi dava noia che si dicesse che solo i nord europei sono realmente felici (che poi a volerla dire tutta c'è un'altissima percentuale di suicidi in questi paesi ma è un'altra storia) però dopo un pò ho deciso che il metodo era giusto, ovvero quello di godere delle piccole cose...da quando qualche anno fa ho deciso di cercare di vedere il lato positivo ed il bicchiere sempre mezzo pieno, puntare sulle esperienze più che sulle cose è sempre una buona decisione....ci sono anche studi scientifici che lo provano

Ho Adorato a prima vista la copertina, poi mi sono lasciata convincere dalla trama e anche dal prezzo -€10-ma poi io inizio a leggere all'inizio credo di aver fatto un pò di confusione con qualche personaggio, poi ho unito i puntini nel mio cervello e tutto è stato più chiaro, ho adorato tutti i personaggi e si lo ammetto puntavo e speravo nell'happy end e sono rimasta molto soddisfatta in tutti i campi, ho anche preso spunto per una ricetta:P

trama:È autunno nella cittadina di Yulethorpe, e una pioggerella gelata scende da giorni. A rendere ancora più tristi gli animi arriva la notizia che l’ultima bottega del centro, l’adorabile negozietto di giocattoli della signora Louisa, sta per chiudere i battenti. Per Yulethorpe sarà un inverno più gelido del solito, ma la speranza ha il volto di un angelo biondo di nome Clara Kristensen. In paese per una vacanza, la ragazza è il ritratto della salute e della felicità. In lei tutto è hygge, come dicono i danesi: è allegra, solare, con un senso profondo della famiglia, ama le candele profumate, i bambini, i cani e i libri. Clara si rimbocca le maniche e rivoluziona il negozio, trasformandolo in un luogo magico e accogliente. In mezzo all’entusiasmo che ha contagiato grandi e piccini, però, salta fuori Joe. È il figlio della proprietaria, un tipo tutto business, sposato con il suo smartphone, e teme che quella di Clara sia una manovra per mettere le mani sugli affari della madre. Del resto, nessuno si darebbe tanto da fare solo per restituire il sorriso ai bambini, no? Tra esilaranti malintesi e scontri all’ultimo fendente, riuscirà Clara, con i suoi occhi azzurri e i modi scandinavi, a convincere lo scostante e ruvido Joe che il segreto della felicità non è il denaro? 

Lo ammetto io nonostante nella mia libreria c'è l'angolo Manuali in cui si possono trovare un sacco di libri sullo stile di vita Hygge e Lagom io non ne ho comprato mezzo poichè credo che ognuno di noi abbia il suo personale stile Hygge, così come ci sono le persone perennemente negative-da cui consiglio caldamente di starsene alla larga....Comunque al termine del libro ho scoperto un altro titolo dell'autrice di cui mi intriga già il titolo,L'amore è un imprevisto
Lo so sembro cinica ma lo ammetto in fondo in fondo sono una romanticona, non di quelle sdolcinate però... e poi adoro i libri che parlano di amore, della ricerca e anche delle disavventure perchè in fondo in fondo c'è un pò di Bridget Jones in ognuno di noi-vabbè vabbè lei si è beccata Hugh Grant, Colin Firth e pure Patrick Dempsey, che a me il primo e l'ultimo non mi dicono nulla è gusto personale, che siano considerati tutti e tre fighi è un dato di fatto...io sono sempre team Antonio Banderas ma lui ormai ha scelto Rosita (vero motivo di divorzio dalla Griffith)-, comunque sia sto divagando-strano-ora a fine mese vedo se lo trovo in libreria oppure me lo ordino da internet e me lo faccio consegnare in ufficio...sono dell'idea che i soldi spesi in libri siano sempre un ottimo investimento!!!

Commenti

  1. Ti dirò, io ho sempre guardato con molta diffidenza questa mania dell'Hygge (che, sono abbastanza sicura sia una moda passeggera, vedrai che poi arriverà un'altra filosofia simile dall'india o dall'africa o chissà dove e ce la dimenticheremo in due secondi) dato che per me tutto quello stare chiusi in casa, coprtine, tisane e compagnia bella non è che entusiasmi proprio... Insomma io sono il tipo che ama il sole, il movimento e stare all'aria aperta: è vero che vivendo a Roma sono climaticamente favorita, però pure se vivessi in Norvegia sono sicura che preferirei farmi una palestra in casa (o ancora meglio andare a sciare o a pattinare sul ghiccio) piuttosto che passare le giornate davanti al fuoco a non fare nulla!
    Insomma credo ci sia una certa incompatiblità di fondo tra me e questo tipo di filosofie troppo "letargiche"....
    Naturalmente però sono assolutamente favorevole al pensiero positivo ed al godersi le piccole cose cercando di escludere (quando e per quanto possibile) tutto cìò che è negativo e che ci rende nervosi e tristi: ma questa non è una novità che si sono inventati gli Svedesi o i Norvegesi, ne parlavano già i filosofi Greci! Hanno scoprto l'acqua calda!^^
    Però quel libro sembra comunque abbastanza carino e non troppo sdolcinato, magari se lo trovo lo predo, mi sembra una lettura leggera perfetta da intramezzare quando mi cimento in qualche volume più impegnativo!
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I o di copertine tazze fumanti di thè potrei vivere in inverno ma non in primavera, ma alla fine da quello che ho capito di questa moda Hygge è del trovare piacere nelle piccole cose, come ad esempio il panorama che ti circonda mentre fai jogging (te non io eh:P)....Roma è Roma vince su tutto e il libro è carino e mi è piaciuto perchè pieno di colpi di scena interessanti, non è per niente sdolcinato e te lo consiglio

      Elimina
  2. I also carry a book in my hand bag always, so that where ever i go & gets time i start reading.this books seems good, and honestly i am too crazy for romantic and love stories. My shelf is full of such novels and books. Books are best investment.
    My Blog | Instagram | Bloglovin

    RispondiElimina
  3. This is a choice so I don't watch smartphone always and I use "free" time to read...this is a very nice book because is romantic but not is a too sweet way, there are ironic scenes so I can really recommend to read it!!!

    RispondiElimina
  4. Grazie della segnalazione, mi sono subito appuntata questo libro! Mi ispira molto :)
    A me il tema hygge ha ispirato subito e ho anche qualche "manuale" (don't judge), ma ora sono proprio curiosa di leggerne dal punto di vista di un romanzo. Tra l'altro mi piacciono le storie che ruotano intorno a negozi, locali, caffetterie e simili. Lo cerco sicuramente ... secondo te lo trovo facilmente in libreria o meglio comprarlo su internet? Grazie mille.

    Manuela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non gidicoga prescindere...il libro merita, io lo ho comprato in libreria ma se non trovi va su IBS.it

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

VALERIO'S INTERVIEW

Era da un pò che mi frullava in testa l'idea di intervistare amici di blog e amici di altri campi e, tenere queste interviste almeno una volta al mese. Ho iniziato con Silvia (la sua intervista qui) ed ora è il turno di Valerio, ragazzo affascinante e simpatico (dico io) con qualche capello bianco (dice lui), ora noi è da Febbraio che proviamo a organizzarci per un caffè ma ancora non ci siamo riusciti, così se all'inizio pensavo di fare questa intervista di fronte ad una tazza di caffè reale, per ora ce lo prendiamo virtualmente...Valerio è stato carinissimo e disponibile, nonostante i suoi miliardi di impegni...ovviamente in rosso i miei commenti
Iniziamo con l'intervista:
Presentati (nome, data di nascita, professione,studi passioni, hobbies) Mi chiamo Valerio Chibbaro, nato a Roma il 08/08/1982 e tra poco compirò ben 35 anni.  Quindi mi tocca farti un regalo che ti darò ...uhm...boh...a Natale?Dai dai che l'uomo acquista in fascino con età e capelli grigi, George Clone…

INTERVIEW: UN GIOIELLO DI RAGAZZO

Sto preparando diverse interviste per il blog, di amici e persone che ho trovato interessanti ed ho voluto approfondire la conoscenza, perchè ammettiamolo spesso anche se non ci si conosce personalmente attraverso commenti su commenti si scoprono un sacco di affinità...ora mi sto concentrando su lavori e scelte di vita (se non avete letto l'intervista di Lucia fatelo ora cliccando QUI ) particolari...ad esempio questa intervista è nata a forza di guardare le sue creazioni...oh son pur sempre donna e mi piacciono le cose belle in più ho una passione per gli anelli e Paco fa creazioni bellissime...della serie io sbavo ad ogni singola foto nuova e devo decidere cosa auto-regalarmi per Natale...un ragazzo giovane di grande talento e secondo me pure simpatico, pur non conoscendolo personalmente la sua faccia mi ispira simpatia...allora gli ho spedito una email o meglio una serie di domande tramite FB e vi giuro solo nel leggere le risposte ho sorriso tantissimo...ovviamente in rosso tr…

CHIOSTRO DEL BRAMANTE: ENJOY

Se ci siete stati sapete di cosa parlo, se non ci siete andati MUOVETEVI avete tempo fino al 25 febbraio per visitare la mostra ENJOY al Chiostro del Bramante...durante la mia ultima gita a Roma insieme alla mia amica Samantha l'abbiamo visitata, veramente carina...il Chiostro del bramante è sempre una garanzia...
Ok nel corridoio tre qualche domanda me la sono posta e non chiedetemi perchè ma l'ho paragonata al Grande fratello, effettivamente questa super connessione ci porta a spiare ed essere spiati...si possono fare foto e al piano di sopra c'è una stanza piena di palloncini-più per i bambini ed io soffrendo di claustrofobia ma neanche se mi paghi-ed una super mega poltrona e un super mega cappello (credo di aver fatto una foto), sono una che durante le mostre il cellulare lo lascia in tasca, sono concentrata sulla mostra e sull'audioguida....ho o meglio abbiamo scelto "l'età della serietà apparente"...sempre che ricordo bene il nome, che ho una memori…