Passa ai contenuti principali

LIBRI SOTTO L'ALBERO

Ieri serata tra ragazze e come al solito le conversazioni è meglio non riportarle, ma seriamente potremmo scrivere una trilogia di aneddoti super divertenti e di situazioni catastrofiche....Betta ha pensato al menù ed io e Samantha abbiamo fatto una passeggiata al centro alla ricerca del dolce...uno il mercatino di Natale al centro di Terni è composto da circa 10 bancarelle in tutto-che tristezza- e nel reparto dolci la scelta era tra panettone, pandoro e panpepato (che è il dolce tipico natalizio della mia città), siamo andati nel bar storico e abbiamo scelto una sacher bellissima da vedere e buonissima da mangiare....con Samantha abbiamo parlato dei regali di Natale e posso dire che io lo ho completato....

Qualche giorno fa sono andata nella mia libreria di fiducia Giunti ed ho comprato due libri dalla mia lista:
Un figlio e ho detto tutto-The pozzolis family-sto seriamente pensando di regalarlo anche a due miei amici, uno che è diventato papà da non molto e Tatiana che diventerà mamma a Gennaio:P
la trama a cui non ho saputo resistere: n ritratto senza filtri dei dubbi e delle scoperte di una generazione che affronta oggi la sfida di passare da due a tre.

"Con tutta questa gioia e questo ottimismo, se non dessimo alla luce un bambino sarebbe un crimine contro l'umanità." 

Alice e Gianmarco si innamorano, di quell'amore puro, irrazionale e folle che provano gli adolescenti alla prima cotta estiva. Invece loro sono ultramaggiorenni e si baciano contro una saracinesca a Milano. A gennaio. Nel giro di una settimana si fidanzano, si presentano ad amici e parenti e infine vanno a vivere sotto lo stesso tetto. E in un giorno qualunque di questo travolgente bazar di allegria, mangiate di gusto, colpi di testa, ottimo sesso, risate incontrollabili e alcol, tanto alcol, decidono di voler mettere al mondo un figlio. E ho detto tutto . Per la coppia si aprono inattesi orizzonti, non sempre tersi come gli avevano raccontato. Ed è ancora niente rispetto a quello che li attende quando il dolce dittatore col ciuccio si insedierà al vertice della loro esistenza. Alice Mangione e Gianmarco Pozzoli, in arte The Pozzolis Family, si raccontano in questo testo che è sia uno spassoso romanzo sia un toccante diario personale. Un ritratto senza filtri dei dubbi e delle scoperte di una generazione che affronta oggi la sfida di passare da due a tre. Sottoposti all'ambiziosa pretesa di voler vivere al massimo la dimensione di coppia e quella di bravi genitori, i Pozzolis ci consegnano una delirante e radiosa cronaca della loro vita, offrendo al lettore un'irrinunciabile iniezione di positività.

Forse domani m'innamoro di Stella Grey-La scrittrice è una giornalista che ha scritto per il Guardian,, già il titolo mi aveva incuriosito, poi ho letto la trama ed ho scoperto che il libro è praticamente autobiografico e io quando so che il libro parla di esperienza vissute in prima persona mi intriga ancora di più e solitamente non rimango mai delusa... questa la trama:
Due anni di appuntamenti reali e virtuali, tra seduttori incalliti che scompaiono al termine di una serata perfetta, spasimanti troppo esigenti o troppo goffi e intempestive proposte di matrimonio. 

«Non è che pretenda poi tanto, – dissi all'universo mentre attendevo in coda il mio turno. – Mi basta che sia fedele e divertente: su tutto il resto sono disposta a trattare».

«Forse domani mi innamoro è l'equivalente letterario della battuta piú disarmante di Harry, ti presento Sally: "Dimmi che non dovrò mai piú passarci"» - Jojo Moyes

«Divertentissimo, spietato e tremendamente sincero. L'ho letto d'un fiato dalla prima all'ultima pagina» - Katie Fforde

«Questo libro è come una chiacchierata senza filtri con la tua migliore amica, tra storie di uomini imperfetti e appuntamenti tragicomici» - Vogue

Quando il marito la lascia per un'altra, Stella Grey si convince che sarà infelice per sempre, condannata a trascorrere le serate in pantofole a giocare a Sudoku. Poi ascolta il consiglio di un'amica e s'iscrive a una serie di siti per incontri in rete. Seguono quasi due anni di appuntamenti reali e virtuali, tra seduttori incalliti che scompaiono al termine di una serata perfetta, spasimanti troppo esigenti o troppo goffi e intempestive proposte di matrimonio. Nel catalogo è compreso il milionario che la invita a Tangeri per «un incontro informale»; lo svitato in grado di confessare con candore che passa molto tempo «con le sue lucertole»; il cafone che seleziona le donne sulla base del girovita. Un viaggio esilarante e impietoso che ci racconta come sia cambiato l'amore ai tempi di Tinder, o come, dopo tutto, non sia cambiato affatto. Perchè a sorpresa è capace di riservare il piú classico degli happy ending.



Lo ammetto ultimamente parlavamo di come ultimamente le persone si conoscono prima sul web e poi nella vita reale, ovviamente come in tutte le cose ci sono pro e contro e ognuno di noi ha provato almeno un app, anche io in passato le ho provate ma lo ammetto ad un certo punto mi stressano e poi sono più tipo a cui piace la vecchia scuola, incontri combinati da amici (anche se potrei raccontare di appuntamenti orrendi anche in questo caso), ma sicuramente sono due libri che ad amici lettori genitori da poco e/o in cerca del Grande Amore farà piacere ricevere....

Commenti

  1. Very well written dear!!
    https://clickbystyle.blogspot.in/

    RispondiElimina
  2. Mi sa che io sono una delle poche che non ha mai provato leapp di appuntamenti online ^^
    E neanche ho nessuna intenzione di farlo, sinceramente, mi bastano ed avanzano i lumaconi che ci provano quotidianamente su Fb o Linkedin... per non parlare dei casi umani che incontro nella vita reale: io in amore sono fatalista, quando sarà il momento arriverà quello giusto, quindi per il momento non mi dò troppa pena!
    I libri che hai proposto sembrano entrambi carini, anche io ho un'amica che ha un bimbo di pochi mesi che le ha lettralmente stravolto la vita (cosa che, insieme al mio già scarso istinto materno, mi fa pensare sempre più al fatto che non ne farò mai), magari il primo libro sarebbe un'idea regalo carina per lei (se avesse tempo di leggerlo, certo)! :)
    Comunque beata te che hai già finito con i regali, io ho appena iniziato questo weekend!
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ne ho provate diverse ma come ho detto dopo un pò mi stressavano e poi sono più vecchia scuola amico di amici introdotti ad una cena comune...ma posso dire che nel mio caso le app erano ancora gratuite...ora si pagano più o meno tutte, i libri mi ispiravano già dal titolo poi essendo entrambi autobiografici mi ci sono buttata, ti saprò dire se ho fatto bene o meno....Capisco che la tua amica possa avere poco tempo ma se ama leggere può essere un bel pensiero proprio per lei così un pò di tempo per se stessa lo deve trovare per forza.
      Sono tanto soddisfatta di aver terminato i regali così al massimo posso autoregalarmi qualcosa e al massimo compro cioccolatini per cene varie... dai dai che son sicura farai un ottimo lavoro anche te!

      Elimina
  3. Good stuff! I typically just read non-fiction, but even that I've been falling behind on. Definitely want to get some reading time in after I finish this house project : )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. These 2 will be a good compromise because are similar a fictinbut based on true stories:P, I have at least 3 books to read during Christmaas holidays:D

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

VALERIO'S INTERVIEW

Era da un pò che mi frullava in testa l'idea di intervistare amici di blog e amici di altri campi e, tenere queste interviste almeno una volta al mese. Ho iniziato con Silvia (la sua intervista qui) ed ora è il turno di Valerio, ragazzo affascinante e simpatico (dico io) con qualche capello bianco (dice lui), ora noi è da Febbraio che proviamo a organizzarci per un caffè ma ancora non ci siamo riusciti, così se all'inizio pensavo di fare questa intervista di fronte ad una tazza di caffè reale, per ora ce lo prendiamo virtualmente...Valerio è stato carinissimo e disponibile, nonostante i suoi miliardi di impegni...ovviamente in rosso i miei commenti
Iniziamo con l'intervista:
Presentati (nome, data di nascita, professione,studi passioni, hobbies) Mi chiamo Valerio Chibbaro, nato a Roma il 08/08/1982 e tra poco compirò ben 35 anni.  Quindi mi tocca farti un regalo che ti darò ...uhm...boh...a Natale?Dai dai che l'uomo acquista in fascino con età e capelli grigi, George Clone…

INTERVIEW: UN GIOIELLO DI RAGAZZO

Sto preparando diverse interviste per il blog, di amici e persone che ho trovato interessanti ed ho voluto approfondire la conoscenza, perchè ammettiamolo spesso anche se non ci si conosce personalmente attraverso commenti su commenti si scoprono un sacco di affinità...ora mi sto concentrando su lavori e scelte di vita (se non avete letto l'intervista di Lucia fatelo ora cliccando QUI ) particolari...ad esempio questa intervista è nata a forza di guardare le sue creazioni...oh son pur sempre donna e mi piacciono le cose belle in più ho una passione per gli anelli e Paco fa creazioni bellissime...della serie io sbavo ad ogni singola foto nuova e devo decidere cosa auto-regalarmi per Natale...un ragazzo giovane di grande talento e secondo me pure simpatico, pur non conoscendolo personalmente la sua faccia mi ispira simpatia...allora gli ho spedito una email o meglio una serie di domande tramite FB e vi giuro solo nel leggere le risposte ho sorriso tantissimo...ovviamente in rosso tr…

CHIOSTRO DEL BRAMANTE: ENJOY

Se ci siete stati sapete di cosa parlo, se non ci siete andati MUOVETEVI avete tempo fino al 25 febbraio per visitare la mostra ENJOY al Chiostro del Bramante...durante la mia ultima gita a Roma insieme alla mia amica Samantha l'abbiamo visitata, veramente carina...il Chiostro del bramante è sempre una garanzia...
Ok nel corridoio tre qualche domanda me la sono posta e non chiedetemi perchè ma l'ho paragonata al Grande fratello, effettivamente questa super connessione ci porta a spiare ed essere spiati...si possono fare foto e al piano di sopra c'è una stanza piena di palloncini-più per i bambini ed io soffrendo di claustrofobia ma neanche se mi paghi-ed una super mega poltrona e un super mega cappello (credo di aver fatto una foto), sono una che durante le mostre il cellulare lo lascia in tasca, sono concentrata sulla mostra e sull'audioguida....ho o meglio abbiamo scelto "l'età della serietà apparente"...sempre che ricordo bene il nome, che ho una memori…