Passa ai contenuti principali

VALERIO'S INTERVIEW

Era da un pò che mi frullava in testa l'idea di intervistare amici di blog e amici di altri campi e, tenere queste interviste almeno una volta al mese. Ho iniziato con Silvia (la sua intervista qui) ed ora è il turno di Valerio, ragazzo affascinante e simpatico (dico io) con qualche capello bianco (dice lui), ora noi è da Febbraio che proviamo a organizzarci per un caffè ma ancora non ci siamo riusciti, così se all'inizio pensavo di fare questa intervista di fronte ad una tazza di caffè reale, per ora ce lo prendiamo virtualmente...Valerio è stato carinissimo e disponibile, nonostante i suoi miliardi di impegni...ovviamente in rosso i miei commenti

Iniziamo con l'intervista:

Presentati (nome, data di nascita, professione,studi passioni, hobbies)
Mi chiamo Valerio Chibbaro, nato a Roma il 08/08/1982 e tra poco compirò ben 35 anni. 
Quindi mi tocca farti un regalo che ti darò ...uhm...boh...a Natale?Dai dai che l'uomo acquista in fascino con età e capelli grigi, George Cloney ci ha costruito una carriera:P
Professione Freelance, Tour Manager and Production Manager for Private and Public events, che spostandola in italiano significa che sono un libero professionista che lavoro nell'organizzazione di eventi, pubblici e privati. Vabbè ma dirlo in inglese fa figo
Sono diplomato come perito elettronico persso Itis Bernini a Roma.
Passioni direi, viaggiare anche se avendo poco tempo libero lo unisco al lavoro, (se cercate la parola jet leg c'è stampata la foto di Valerio)leggere libri, vedere serie tv, praticare sport per mantenere un buon corpo -prima o poi ti chiederò di insegnarmi ad andare sul surf lo sai-e stare bene con me stesso. Ecco questo dello star bene con se stessi dovremmo farlo tutti
Hobbies, direi colleziono schede telefoniche e cerco di essere aggiornato su tutto ciò che questo mondo ci offre così velocemente.

Come hai iniziato a fare questo lavoro?

Questo lavoro, l'ho iniziato facendo il classico "facchino" quindi carico e scarico di camion per eventi, e piano piano scalando posizioni nella piramide lavorativa di un evento.



Ti ricordi il tuo primo evento?

Il primo evento dove sono stato Tour Manager, è stato nel 2001 a Reggio Calabria sul lungomare, concerto e seguente Tour di Enrico Ruggeri ed Andreà Mirò per il Tour "Nessuno tocchi Caino".
Adrenalina, emozione ed anche grande curiosità, essendo un piccolo 19enne, al cospetto di un artista nazionale e 25 persone da gestire, ma sono sempre stato amante delle sfide, e quindi mi ci sono buttato dentro senza paura.


Vantaggi e svantaggi della tua professione?

I vantaggi della mia professioni, sono molteplici, essendo un lavoro dinamico che ti tiene giovane, sicuramente devi avere una mente elastica e pronta a cambiare velocemente situazione, dalla più bella alla più brutta, dalla più semplice alla più complicata.

E' un lavoro che ti porta a girare molto, e quindi aver visto l'Italia in lungo e largo e per mia fortuna anche una buona parte del mondo, ma ancora sono all'inizio e quindi sempre pronto e curioso a nuove nazioni da vedere, e di conseguenza viaggiare molto di fà aprire la mente, accettare le diversità e non rimanere chiuso in 4 mura mentali, che purtroppo ancora oggi si vedono in molte persone.Concordo e credo tu sia l'unico che possa battermi nel fare il bagaglio perfetto:P

Gli aspetti negativi, sono il poco tempo che a volte puoi dedicare a te stesso , ed alle persone care a te, quindi famiglia, amici, parenti e compagna. Diciamo che è tempo di qualità, a volte è la qualità e non la quantità a fare la differenza... Ah quando ci vediamo per il caffè mi devi anche un sacco di cartoline:P e prima o poi deciderò di andare a qualche concerto e chiederò il tuo aiuto!!!

Ma te le vacanze/ferie ce le hai come le persone normali oppure no? Per le vacanze diciamo che proprio non sono come le persone normali, ma è anche giusto, perchè spesso un evento, è un momento di festa e quindi per le persone normali.
Quindi spesso l'estate giri parecchio, per esempio negli ultimi 20 giorni, sono stato in Estonia, Slovenia, Kazakhistan, e sono appena rientrato da Genova, passando prima per un concerto a Frosinone, un evento privato a Mosca e un altro concerto a Civitanova Marche, sapendo che  tutte queste 4 serate, sono state fatte back to back, che in gergo tecnico-lavorativo, significa una dietro l'altra quindi in 4 giorni, non proprio semplicissima! 
Quando hai dei momenti liberi, diciamo che ti organizzi un last minute, e prendi e parti. Per il resto organizzarla lo puoi anche fare, ma diciamo sei sempre con il cellulare in mano, ed il rischio che possa saltare la vacanza, per un evento arrivato improvvisamente.Ora si capisce la complicazione di organizzarsi per un caffè ,in realtà Valerio è sempre all'aereoporto o su un treno...ma la speranza è l'ultima a morire

 Comunque posto più bello dove sei stato fino ad ora?
Faccio un pò di fatica a dirti un posto solo, avendo girato abbastanza, ma sicuramente potrei dirti che New York, è un posto affascinante e particolare, in fondo chi non ha il mito ed il sogno dell'America, anche se poi New York non rispecchia l'America al 100 %.
Il Canada, sicuramente ha delle belle città, e sono più tranquille rispetto all'America.
Potrei dirti anche molte città dell'Europa dell'Est molto belle e particolari, potrei citarti Mosca e San Pietroburgo (diverse tra loro totalmente), Almaty ed Astana in Kazakhistan, Tel Aviv, Tallin in Estonia, Riga, Jurmala, come Dubai ed Abu Dhabi.
Sicuramente ho visto un pò di posti, ma sono sempre curioso di vederne altri nuovi per aumentare la mia cultura generale.

Sono molto curioso di Giappone e Cina se dovessi dirti un posto dove vorrei andare, e spero di farlo prossimamente. Ovviamente io prenoto un miliardo di cartoline lo sai:P

Diciamo che la tua professione può attrarre molte ragazze a corteggiarti? 
Questo lavoro, inevitabilmente ti pone in un gradino di curiosità verso l'universo femminile, diciamo che non vieni visto come la Rockstar, ma sicuramente come persone vicino agli artisti, e quindi come la marmellata sul pane, magari conosco lui per arrivare all'artista.
Fà secondo me un pò parte del "gioco".
Personalmente non lo uso per avvicinare ragazze, la scusa del lavoro, anzi se posso cerco di tenerla staccata totalmente, proprio per capire se l'interesse è reale. comunque il ragazzo non è brutto anzi, quindi è normale che susciti interesse nel mondo femminile

evento più divertente che ti è capitato nella tua carriera? Momento più  imbarazzante?
Per evento più divertente , è un pò come la domanda sul posto più bello. Ridurlo ad uno solo sarebbe impossibile, sopratutto se penso che sono comunque 16 anni come responsabile di produzione. Ecco di cosa parleremo di fronte al caffè:P
Sicuramente ogni situazione ha il suo fascino, dalla festa privata nel posto più esclusivo di New York, fino alla sagra dove porto una cover band di miei amici. Cerco sempre di prendere tutto il meglio di ogni situazione, sia a livello lavorativo e professionale , sia da quello personale.

Mettiamo che un ragazzo voglia seguire le tue orme cosa gli consiglieresti di fare?
Spesso gente mi domanda, come sono arrivato a fare questo lavoro, e posso dire che mi ci sono trovato dentro, non sò dirti se ci sia qualche studio da fare, come management o altro.
Di certo posso dirti, che la migliore scuola in assoluto è stare sul pezzo e sul posto, il che significa fare esperienza sui concerti. 
Sicuramente ci si può rivolgere a delle produzioni di eventi, ed iniziare appunto piano piano ad immettersi in questo mondo bello e particolare.
Il modo migliore per crescere, fare esperienze e capire la situazione come si potrebbe evolvere, è appunto essere "on the road", e solo con quello arriverai a capire molte cose, anche se non si finisce mai di imparare.
La cosa fondamentale su cui ho basato la mia "carriera lavorativa" se così la possiamo definire, è essere corretti, puntuali e professionisti sempre, dall'evento importantissimo, al normale concertino in Oratorio, la professionalità fà sempre la differenza e la gente la nota. Sottoscrivo in pieno tutto:D

Ora chiudi gli occhi e immaginati tra dieci anni come ti vedi professionalmente e a livello personale?

Chiudo gli occhi, non troppo, vista la stanchezza di questi giorni... Scherzi a parte, tra dieci anni avrò 45 anni.

Professionalmente spero ancora di far parte di questo mondo, magari avendo alzato ancora l'asticella, ed essendo produttore di artisti, quindi andare un pò meno in giro e dare le direttive. Te lo ho detto io a te senza far niente non riesco a vederti

Personalmente, mi piacerebbe avere una famiglia, una compagna che sia innamorata di me, naturalmente con i miei pregi e difetti. Ti auguro di trovare la donna che ti sia a fianco e sia di supporto e che sopporti il tuo vagabondaggio anche perchè sei ancora giovane ed hai tempo per riposarti:P e se tra dieci anni non siamo ancora riusciti ad organizzare per il caffè dille che prima devi prendere un caffè con me:P

Avere 2-3 figli a cui insegnare come vivere onestamente e senza troppi pretesti inutili, tornare un pò alla semplicità, che penso si sia un pò persa in questo ultimo decennio. Mi trovi d'accordo sarà che noi siamo cresciuti giocando a pallone, citofonandoci per sapere se l'amico era a casa, mentre ora a due anni sanno usare gli smartphone e il touch screen meglio di un tecnico informatico, ma vuoi mettere il bello delle piccole cose?...


Se volete vedere foto in più andate sulla sua pagina Instagram e si lo ammetto ho solo amici belli e simpatici, ovviamente matti da legare, ma abbiamo il nostro fascino


Commenti

  1. Ma dai, che interessante questa intervista!
    Pensa che non avevo neppure idea che esistesse questa figura professionale (non che ci avessimai pensato troppo su, a dire il vero...)!
    Valerio fa un lavoro sicuramente stimolante ma sono certa anche piuttosto faticoso, quindi sarà senz'altro una persona piena di passione, oltre che molto professionale!
    Quanto ai viaggi, chi non ama viaggiare? Ed il Giappone è un pò la meta desiderata da quasi tutti (per me c'è anche l'India), però riuscire a farlo con tanta frequenza è un'altro paio di maniche! Beato lui! :)
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lavoro di Valerio è bellissimo e impegnativo. ..praticamente è sempre in giro ma ovviamente non sono tutte rose e fiori. ..molti vorrebbero lavorare con gli artisti poiché lavori facili, ma dove? Quindi perché non avere una testimonianza diretta dell'impegno che ci vuole 😊. ..ok sarò impopolare Ma una delle mie mete è l'Islanda insieme all'Alaska poi ovviamente Grecia e altre località di mare. ...

      Elimina
  2. Impressed by Valerio's travels! Really cool to hear about all the places he has been. Had fun reading this post.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. He has an amazing but really busy job...he is alwasy with a luggage on his hands...glad you liked it:P

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

SILVIA'S INTERVIEW

E' da un pò che ci penso vorrei intervistare alcuni dei blogger che mi piacciono e quindi questa è la prima intervista di una piccola serie... Oggi facciamo due chiacchiere virtuali con Silvia di S in Fashion Avenue (in rosso i miei commenti e le foto le ho "rubate" dal suo instagram:P)

Allora iniziamo, presentati:
Allora eccomi con le domande, cercherò di esser il più possibile stringata, anche se come ormai saprai non ho il dono della sintesi. Mi chiamo Silvia Negretti e vivo a Roma(io ormai sono innamorata di questa meravigliosa città e ora che so che abiti in un complesso tipo Merlose Place prima o poi mi autoinvito a casa tua per nuotare:P), ho un’infinità di hobbies, quindi citerò solo quelli che pratico più frequentemente: sport, disegno (ho una laurea in fashion design ed anche fatto dei lavoro come illustratrice di moda per alcune riviste)-trovo che sia un lavoro fighissimo-, viaggi, fotografia, lettura, danza, shopping (ovviamente ^^), una passione per animali, f…