Passa ai contenuti principali

HAPPINESS DOCET

Si dice che i sodi non facciano la felicità e concordo ma posso dire che aiutano ad arrivare tranquilli a fine mese, ma l'altro giorno stavo parlando con un'amica riguardo al fatto che molti sono insoddisfatti e perennemente infelici e non so come ma ho collegato questo agli scaffali delle librerie dove,lo scorso inverno pullulavano libri sullo stile di vita felice, definito Hygge ...anche le riviste erano piene di articoli a riguardo e se ho letto tutti gli articoli non ho comprato alcun libro...o meglio non ho comprato i libri dedicati all'arte Hygge, ma durante un giro al supermercato, nel reparto libri sono stata catturata da un libro con un titolo fantastico "La tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola", sono stata attratta subito dalla copertina e poi dalla trama e posso dire che essendo una persona che tende a vedere il bicchiere mezzo pieno il libro mi è piaciuto così tanto da averlo voluto prestare alla mia amica Samantha...

Leggendo l'ultimo numero della rivista F nella sezione Benessere News c'erano 8 consigli o meglio 8 facili strategie per coltivare la contentezza, tratto dal libro La scienza della contentezza:


  1. Gusta ogni giorno qualche piccolo piacere-ad esempio io non rinuncio alla mia tazza di caffè mattutina e quando devo lavorare al bar e non riesco a gustarmelo a casa è la prima cosa che faccio appena arrivo a lavoro, bevo il caffè, lo gusto e mi rilasso.
  2. Coltiva la curiosità: a piccoli passi fa uscire dalle solite abitudini- Già solo con il corso di acquagym ho avuto modo di conoscere più persone stringere nuove amicizie ed ho intenzione di frequentare dei corsi che mi permetteranno di allargare le conoscenze (corso sul vino, corso di cucina vegana e vegetariana,corso di calligrafia)-ora devo solo trovare quelli più vicini a casa
  3. Evita critiche su ciò che hai/sei in questo momento-il pensiero negativo su ciò che ti manca non aiuta per niente
  4. Punta solo ad obiettivi realizzabili: l'infelicità viene dal divario tra ciò che si desidera e la realtà. Concordo in pieno, conosco una ragazza molto bella ma molto in carne ha provato svariate diete e un paio di anni fa aveva fatto l'operazione per il palloncino,ha seguito una dieta stretta ma poi ha rinunciato....per me rimane sempre bella ma se una donna deve perdere 30 chili non può pensare di farlo in 3 mesi in modo corretto è più plausibile puntare ad una perdita del 10% del suo peso (es. peso attuale 80 kg tra 6 mesi peso auspicato 72= perdita lenta graduale ma costante)
  5. Concediti momenti di malinconia-servono anche questi ma che non diventi una regola anche perchè a nessuno piace avere amici che si lagnano sempre
  6. Fai qualcosa per gli altri e condividi con gli amici i momenti belli- E' vero che con gli amici si condividono momenti belli e brutti ma vuoi mettere la differenza di un ricordo bello rispetto ad uno brutto' ovviamente servono entrambi
  7. Non importi di superare ogni ostacolo: impara a rinunciare-un paio di anni fa avevo fatto una scommessa con un istruttore di ping pong, avrei imparato qualcosa della sua lingua madre ovvero l'ungherese, bhè è peggio del tedesco e nonostante ci ho provato anche una seconda volta ho dovuto alzare bandiera bianca, nonostante sia portata per le lingue straniere, l'ungherese è al di sopra della mia portata, alla fine gli ho portato dolci per una stagione intera -le scommesse si pagano sempre
  8. Prendi tempo prima di prendere una decisione: vedrai nuove prospettive-mai essere impulsivi, ecco perchè anche nello shopping a meno che una cosa non ti serva subito conviene prendere tempo per pensarci, a volte la decisione d'istinto non è la migliore, mentre prendendo tempo sicuramente si farà la scelta migliore e razionale!
Quali sono le piccole cose che vi rendono felici?

Commenti

  1. Guarda, io sono del parere che, nonostante tutti questi consigli siano senz'altro utili e giusti in linea generale, sta alla singola persona trovare la "propria" felicità.
    Purtroppo credo che romai la maggior parte della gente sia talmente abituata a farsi dire cosa fare e cosa volere che non sia più in grado di capire sè stessa ( anche perchè poi ogni 2x3 escono consilgi diversi sulla stessa cosa)... Insomma basta guardare noi due per farti un'esempio: io potrei consigliare di fare sport per esser felici, tu magari di imparare nuove ricette, ed entrambe le cose non ci renderebbero certo felici a parti inverse, ti pare? Magari a provare l'una l'esperienza dell'altra ci si divertirebbe pure all'inizio, ma a lungo andare non credo che qualcosa che non ci appartiene nel profondo possa renderci felici.
    Come pure tutta quella cosa dell'Hygge dello scorso anno: molte mie amiche lo hanno letto, e quindi so di che si tratta a grandi linee, ma per me starmene in casa con le candele, la cioccolata,le copertine e compagnia bella, non è per niente felicità, è sopravvivere al freddo!
    Ognuno ha il proprio carattere, le proprie preferenze e le proprie attitudini, e, secondo me, solo su questo bisognerebbe basare un percorso volto alla ricerca della propria felicita, e non è certo qulacosa che può insegnare un libro o una rivista: magari come spunti sono anche utili, ma occorre certamente uno sforzo in più per raggiungere un tale obbiettivo! :)
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Basta che non mi consigli di correre per il resto sono aperta a vari suggerimenti 😊. ..concordo sul fatto che le candele copertine & co è sopravvivenza all'inverno. ...alla fine essere soddisfatti con ciò che si ha e soprattutto stare bene con se stessi. ..però il libro di Giordano lo consiglio a tutti 😀

      Elimina
  2. La ricetta della mia felicità sta davvero nei piccoli gesti e nella semplicità. A me rende immensamente felice aiutare gli altri e non sto parlando di un aiuto economico. E poi danza sotto la pioggia, cammina a piedi scalzi, dona amore e regala un sorriso, fai quello che ti dice il cuore e non quello che vuole la gente.
    Vivi l'attimo senza voltare lo sguardo né al passato né al futuro la vita è al presente.
    Ecco la mia felicità!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Danzare sotto la pioggia lo devo provare e poi si la felicità sta nelle piccole cose...tipo quest'estate in città ho adorato e continuo ad adorare la piscina vicino casa il gelato menta e cioccolato è le mie nuove pelosetti che mi hanno eletto come mamma umana😆

      Elimina
  3. Sono d'accordo con te: i soldi non fanno la felicità ma aiutano parecchio :-D
    Tuttavia, basta godere di piccole cose per ambire alla serenità. Io per esempio mi ritaglio sempre un'ora al giorno da dedicare a me stessa. Leggo un libro, o faccio una passeggiata, o chiacchiero con amici, insomma, stacco dal lavoro per un po' e faccio quello che mi piace, ogni giorno per un'ora. E' la mia piccola coccola quotidiana :-D
    Un abbraccio cara :-*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco la vera ricchezza avere tempi da dedicare a se stessi. ..libro e passeggiate combini perfetta 😀

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

INTERVIEW: UN GIOIELLO DI RAGAZZO

Sto preparando diverse interviste per il blog, di amici e persone che ho trovato interessanti ed ho voluto approfondire la conoscenza, perchè ammettiamolo spesso anche se non ci si conosce personalmente attraverso commenti su commenti si scoprono un sacco di affinità...ora mi sto concentrando su lavori e scelte di vita (se non avete letto l'intervista di Lucia fatelo ora cliccando QUI ) particolari...ad esempio questa intervista è nata a forza di guardare le sue creazioni...oh son pur sempre donna e mi piacciono le cose belle in più ho una passione per gli anelli e Paco fa creazioni bellissime...della serie io sbavo ad ogni singola foto nuova e devo decidere cosa auto-regalarmi per Natale...un ragazzo giovane di grande talento e secondo me pure simpatico, pur non conoscendolo personalmente la sua faccia mi ispira simpatia...allora gli ho spedito una email o meglio una serie di domande tramite FB e vi giuro solo nel leggere le risposte ho sorriso tantissimo...ovviamente in rosso tr…

VALERIO'S INTERVIEW

Era da un pò che mi frullava in testa l'idea di intervistare amici di blog e amici di altri campi e, tenere queste interviste almeno una volta al mese. Ho iniziato con Silvia (la sua intervista qui) ed ora è il turno di Valerio, ragazzo affascinante e simpatico (dico io) con qualche capello bianco (dice lui), ora noi è da Febbraio che proviamo a organizzarci per un caffè ma ancora non ci siamo riusciti, così se all'inizio pensavo di fare questa intervista di fronte ad una tazza di caffè reale, per ora ce lo prendiamo virtualmente...Valerio è stato carinissimo e disponibile, nonostante i suoi miliardi di impegni...ovviamente in rosso i miei commenti
Iniziamo con l'intervista:
Presentati (nome, data di nascita, professione,studi passioni, hobbies) Mi chiamo Valerio Chibbaro, nato a Roma il 08/08/1982 e tra poco compirò ben 35 anni.  Quindi mi tocca farti un regalo che ti darò ...uhm...boh...a Natale?Dai dai che l'uomo acquista in fascino con età e capelli grigi, George Clone…

CHIOSTRO DEL BRAMANTE: ENJOY

Se ci siete stati sapete di cosa parlo, se non ci siete andati MUOVETEVI avete tempo fino al 25 febbraio per visitare la mostra ENJOY al Chiostro del Bramante...durante la mia ultima gita a Roma insieme alla mia amica Samantha l'abbiamo visitata, veramente carina...il Chiostro del bramante è sempre una garanzia...
Ok nel corridoio tre qualche domanda me la sono posta e non chiedetemi perchè ma l'ho paragonata al Grande fratello, effettivamente questa super connessione ci porta a spiare ed essere spiati...si possono fare foto e al piano di sopra c'è una stanza piena di palloncini-più per i bambini ed io soffrendo di claustrofobia ma neanche se mi paghi-ed una super mega poltrona e un super mega cappello (credo di aver fatto una foto), sono una che durante le mostre il cellulare lo lascia in tasca, sono concentrata sulla mostra e sull'audioguida....ho o meglio abbiamo scelto "l'età della serietà apparente"...sempre che ricordo bene il nome, che ho una memori…