Passa ai contenuti principali

COCCOLE SETTIMANALI

Visto che dal 3 al 18 sarò praticamente assente per via del lavoro al bar (ho già detto di no a due cene), ne ho approfittato per coccolarmi un pò, dopo la giornata di shopping a Roma, mercoledì mattina me lo sono goduto facendo prima colazione con la mia amica Samantha al bar di Ale e poi sono andata dalla parrucchiera per rifare il colore e aggiustare un pò il taglio ...coccole mattutine che ci volevano proprio...

Tendo ogni 3/4 mesi a fare pulizia di armadi e cassetti e nel cassetto dei costumi ho visto il bikini dello scorso anno bellissimo nero con ciliegie e fiori ma visto che il negozio non ha l'opzione dei costumi combinabili, lo slip al momento è così sgambato che ricorda i modelli portati da Kelly, Brenda e Donna su Beverly Hills 90210 e nonostante gli anni '90 siano tornati di moda non mi sento molto a mio agio quindi ho comprato uno slip nero e da Tezenis un costume a fascia sui toni di verde e celeste molto carino che sarà uno dei miei outfit sa piscina (che non vedo l'ora che apra)...al momento dovrei fare ulteriore decluttering nei cassetti, ma ho deciso di rimandare tutto dopo il 18, fino a quel giorno la mia routine sarà casa-bar-casa-dogsitting-casa...noiosa ma necessaria, magari riesco a leggere un pò di più....

Adoro leggere ed ultimamente mi sono regalata un pò di libri, ammetto di aver pensato di coprire la stagione estiva ma non so perchè il mio intuito mi dice che ad agosto dovrò comprarne altri, al momento sto leggendo il libro della Francini "Non parlare con la bocca piena", fa sorridere molto e ritrovo molto dell'attrice, infatti certi capitoli mi rimandano ad alcune sue interviste, ma sono solo all'inizio perchè  lo trovo incasinato, ma credo che il bello sia proprio questo...

NEi panni di Valeria-mi ha incuriosito la copertina e la recensione su Cosmopolitan, io sono una di quelle che non ha letto una riga ne visto il film di 50 sfumature, ma visto che mi è stato fatto notare che non si può giudicare qualcosa senza averlo visto/letto, la scorsa estate mi sono letta tutto Calendar girl e  quest'anno mi leggo questa raccolta, poi ammettiamolo tutte le storie stile Sex & the city ci piacciono tanto.Valeria ha ventisette anni e vive a Madrid, ha lasciato un lavoro d’ufficio per dedicarsi alla scrittura di romanzi d’amore e il suo libro d’esordio è stato un successo. Adesso è alle prese con la stesura del secondo, ma è in difficoltà. E poi è sposata con Adrián, di cui si è innamorata quando era ancora ragazzina e con il quale ha un ménage forse fin troppo adulto. In fondo non ha ancora trent’anni e soffre la mancanza delle avventure che le raccontano le sue amiche: Lola, Nerea e Carmen, ognuna la rappresentazione di una tipologia femminile, dalla più forte alla più fragile, dalla femme fatale all’imbranata. Tutte donne che sentiamo vicine, forse perché le conosciamo, o forse perché si comportano come noi. Insicure, spericolate, ingenue e sognatrici, Valeria e le sue amiche ci conducono in un divertente scenario contemporaneo, dove l’amore, il sesso e gli uomini non sono traguardi facili. Attraverso le loro confessioni più intime e seguendo il racconto di avventure proibite, arriveremo alla fine di questa sensuale commedia per scoprire che gli equilibri sentimentali dell’inizio sono stati stravolti. Perché vivere a Madrid a trent’anni e non distrarsi non è facile, perché a trent’anni la vita è una tavola imbandita dove assaggiare di tutto un po’. Le rocambolesche serate di Valeria non finiscono: ci ritroveremo nei suoi panni in un secondo, poi un terzo e ancora un quarto romanzo. Una serie che in Spagna ha conquistato un milione di lettrici e che ha lanciato Elísabet Benavent in vetta alle classifiche.

La forza della gioia- per trovare questo libro ho dovuto fare una foto ad una vetrina di una libreria, perchè la prima volta che sono andata nella mia amata libreria Giunti mi ricordavo tutto un altro titolo così  ho detto la prossima volta che lo vedo faccio una foto e ovviamente la ricerca è stata più facile del previsto...adoro la copertina colorata e in questo momento della mia vita sono in una fase di pensiero positivo, ammetto che già prima di leggere "la tua seconda vita comincia quando capisci di averne una sola" ero una fan del bicchiere mezzo pieno ora ancora di più ed ho anche prestato il libro alla mia amica Samantha...Good vibes only...La gioia spesso viene a bussare alla nostra porta all’improvviso, dobbiamo essere pronti ad accoglierla.

“Esiste un’esperienza più desiderabile di quella della gioia? Tutti vi aspiriamo, ostinatamente, avendola già vissuta, anche solo in modo fugace. L’innamorato in presenza dell’essere amato, il giocatore nel momento della vittoria, l’artista davanti alla sua opera, il ricercatore quando giunge alla scoperta sentono un’emozione più profonda del piacere, più concreta della felicità, un’emozione che coinvolge tutto l’essere e che diventa, con le sue mille sfaccettature, il massimo bene che si possa desiderare. La gioia porta in sé una potenza che ci destabilizza, ci invade, ci fa gustare la pienezza. Niente ci rende più vivi dell’esperienza della gioia. Non possiamo decidere di essere felici, ma possiamo imparare a coltivare questa gioia?”

Dopo il best seller La felicità. Un viaggio filosofico, Frédéric Lenoir torna a raccontare con leggerezza i nostri desideri, le nostre paure, i nostri sogni. Ispirato dagli insegnamenti dei grandi maestri, da Lao-tze ad Aristotele, da Dostoevskij a Nietzsche, ci regala una guida letteraria e filosofica per trovare, o ritrovare, la gioia di vivere.

Matrimonio di convenienza: preso nel reparto libri del supermercato (che sta diventando molto ben rifornito), ho letto la trama e il mio pensiero è subito andato ai vari reali e alle frase che almeno una volta nella vita abbiamo detto "come vorrei avere la loro vita", ma pensandoci bene e stando anche alle ultime indiscrezioni di Camilla Parker Bowles siamo proprio sicuri che sia oro tutto ciò che luccica?...Jemma fa la truccatrice teatrale, vive in un seminterrato a Londra e colleziona insuccessi in amore. Un giorno però riceve una telefonata dal suo avvocato che potrebbe cambiarle la vita: la nonna Catriona, la stessa che ha diseredato sua madre per aver sposato un uomo qualunque e senza titolo nobiliare, ha lasciato a lei un'enorme ricchezza. Ma a una condizione: che sposi un uomo di nobili natali. Il caso vuole che l'avvocato di Jemma segua un cliente che non naviga proprio in acque tranquille: Ashford, il dodicesimo duca di Burlingham, è infatti al verde e rischia di perdere, insieme ai beni di famiglia, anche il titolo. Ashford è un duca, Jemma ha molti soldi. Ashford ha bisogno di liquidi, Jemma di un blasone... Ma cosa può avere in comune la figlia di una simpatica coppia hippy, che ama girare per casa nuda, con un compassato lord inglese? Apparentemente nulla... Il loro non sarà altro che un matrimonio di convenienza, un'unione di facciata per permettere a entrambi di ottenere ciò che vogliono. Ma Jemma non immagina cosa l'aspetta, una volta arrivata nella lussuosa residenza dei Burlingham: galateo, formalità, inviti, ricevimenti e un'odiosa suocera aristocratica. E a quel punto sarà guerra aperta...

Se prima eravamo in due di Fausto Brizzi, lo ammetto questo è il secondo libro che compro di Brizzi, il primo è stato Ho sposato una vegana e qui parla della vita a tre e ammetto di avere alte aspettative su questo libro...Dopo il grande successo di Ho sposato una vegana, le nuove, irresistibili avventure della famiglia Brizzi.

È proprio vero che quando ti nasce un figlio non sai mai chi ti metti in casa., Poco più di un anno fa è arrivata Penelope Nina. Se prima eravamo in due è il racconto di come è andato l'inizio della nostra conoscenza e di come, piano piano, mi sono innamorato di lei. Questo nonostante uccupi la stanza migliore, urli di notte, se la faccia addosso di continuo e non paghi l'affitto. Tutte cose che non perdonerei nemmeno a Scarlett Johansson il che la dice lunga. La realtà è che ormai sono suo schiavo. Aggiungete che ho una moglie vegana, salutista e vagamente dittatoriale, e la tragedia familiare è servita.

Vi ricordate quando da bambini ci si trovava a giocare in due contro uno? Tante inutili rincorse e alla fine era sempre la coppia a stravincere. Due contro uno è scorretto. Se poi ad allearsi sono una mamma e un neonato, e a rimanere da solo è il papà, allora dovrebbe essere addirittura illegale.

È proprio vero che quando ti nasce un figlio non sai mai chi ti metti in casa. Poco piú di un anno fa è arrivata Penelope Nina. Se prima eravamo in due è il racconto di come è andato l'inizio della nostra conoscenza e di come, piano piano, mi sono innamorato di lei. Questo nonostante occupi la stanza migliore, urli di notte, se la faccia addosso di continuo e non paghi l'affitto. Tutte cose che non perdonerei nemmeno a Scarlett Johansson, il che la dice lunga. La realtà è che ormai sono suo schiavo. Aggiungete che ho una moglie vegana, salutista e vagamente dittatoriale, e la tragedia familiare è servita.

La casa delle Onde di Jojo Mojes, l'autrice che mi ha fatto versare fiumi di lacrime con il libro Io prima di te (cosa che non è accaduta con il film) e avere una casetta al mare è il mio sogno -e prima o poi si realizzerà- e questa storia parla di anni '50 che trovo adorabili e non ho saputo resistere ne alla spendida copertina ne alla trama: Una cittadina inglese di provincia, una meravigliosa villa Art déco sulla spiaggia, una vicenda destinata a coinvolgere più generazioni.

"Se amate quel sottile senso di commozione che lasciano i libri di Jojo Moyes, adorerete questo romanzo"

Inghilterra, anni Cinquanta. Sfollata durante la guerra, Lottie Swift è stata accolta dai coniugi Holden a Merham, quieta località di mare. Lottie ama la tranquillità del luogo, mentre Celia, la figlia degli Holden, desidera una vita più movimentata. Ma quando un gruppo di bohémien si trasferisce da quelle parti, entrambe le ragazze subiscono il fascino di tanta imprevista vitalità. E ciò che accade a Villa Arcadia avrà conseguenze imprevedibili per tutti coloro che abiteranno il suo mistero...

Commenti

  1. Che carina che sei con il nuovo colore, ti dona molto! :)
    Mamma mia, ma come fai a risistemare l'armadio ogni 3-4 mesi??? Io lo faccio solo al cambio stagione ed è un'ammazzata (che poi dopo una settimana è di nuovo tutto sottosopra...), hai tutta la mia ammirazione!
    Quanto ai libri mi dai sempre nuove idee con queste rubriche: io ho l'abitudine di leggere un libro "nuovo" ed un classico (che non ho letto naturalmente) alternandoli, ed ora per le mani ho un romanzo di Dumas, ma questi titoli mi saranno utli per il prossimo!
    Mi incuriosiscono soprattutto "matrimonio di convenienza" e "la forza della gioia" (in cui credo moltissimo anche io); di Jojo Mojes invece non credo che prenderò mai più nulla, "io prima di te" mi ha lasciato un magone per giorni! Per carità bello, commovente, ma decisamente troppo triste per i miei gusti! ;)
    Buon week end, bella!
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Per Jojo mojes ti capisco ma ammetto che il suo stile mi piace molto gli altri ti sapro' dare un giudizio dopo averli letti tutti... Per il colore grazie e ogni tanto una coccola solo per se ci sta tutta... Buon weekend anche a te:)

    RispondiElimina
  3. Bello il colore dei capelli, io leggo molto e questi libri li trovo ottimi come consigli.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per il colore ormai scelgo il color cioccolato
      Per i libri amo i libri cartacei e li trovo un buon nutrimento per la mente😊

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

VALERIO'S INTERVIEW

Era da un pò che mi frullava in testa l'idea di intervistare amici di blog e amici di altri campi e, tenere queste interviste almeno una volta al mese. Ho iniziato con Silvia (la sua intervista qui) ed ora è il turno di Valerio, ragazzo affascinante e simpatico (dico io) con qualche capello bianco (dice lui), ora noi è da Febbraio che proviamo a organizzarci per un caffè ma ancora non ci siamo riusciti, così se all'inizio pensavo di fare questa intervista di fronte ad una tazza di caffè reale, per ora ce lo prendiamo virtualmente...Valerio è stato carinissimo e disponibile, nonostante i suoi miliardi di impegni...ovviamente in rosso i miei commenti
Iniziamo con l'intervista:
Presentati (nome, data di nascita, professione,studi passioni, hobbies) Mi chiamo Valerio Chibbaro, nato a Roma il 08/08/1982 e tra poco compirò ben 35 anni.  Quindi mi tocca farti un regalo che ti darò ...uhm...boh...a Natale?Dai dai che l'uomo acquista in fascino con età e capelli grigi, George Clone…

SILVIA'S INTERVIEW

E' da un pò che ci penso vorrei intervistare alcuni dei blogger che mi piacciono e quindi questa è la prima intervista di una piccola serie... Oggi facciamo due chiacchiere virtuali con Silvia di S in Fashion Avenue (in rosso i miei commenti e le foto le ho "rubate" dal suo instagram:P)

Allora iniziamo, presentati:
Allora eccomi con le domande, cercherò di esser il più possibile stringata, anche se come ormai saprai non ho il dono della sintesi. Mi chiamo Silvia Negretti e vivo a Roma(io ormai sono innamorata di questa meravigliosa città e ora che so che abiti in un complesso tipo Merlose Place prima o poi mi autoinvito a casa tua per nuotare:P), ho un’infinità di hobbies, quindi citerò solo quelli che pratico più frequentemente: sport, disegno (ho una laurea in fashion design ed anche fatto dei lavoro come illustratrice di moda per alcune riviste)-trovo che sia un lavoro fighissimo-, viaggi, fotografia, lettura, danza, shopping (ovviamente ^^), una passione per animali, f…