Passa ai contenuti principali

LUSH LAZZARO REVIEW

Non vengo pagata per fare recensioni buone, tutte le recensioni sono personali ma se qualcuno volesse pagarmi per farlo non avrei problemi ad accettare

La penultima volta che sono stata a Roma ho fatto un pò di shopping da Lush, in via del corso (si lo so ora è chiuso ma forse a marzo/Aprile riapre) ed io dopo varie richerche sul sito ho chiesto per uno shampoo Lazzaro, che già dal nome è promettente...


Ho preso la confezione da 250 ml e devo dirlo ne occorre una quantità modesta (una noce) per fare una schiuma pazzesca e i capelli sembrano rinati, si ok lo so ho un budget da rispettare e forse €17.95 sono tanti, ma in realtà no perchè ho utilizzato solo 1/4 della confezione ed io sono una che ai capelli lunghi ci tiene molto.

Si sono rimasta traumatizzata poichè una mia amica che voleva diventare parrucchiera, quando avevamo 16 anni, mi chiese di farle da "modella"e le feci vedere un taglio preso dal film "Mai stata baciata",ovvero un carrè bhè lei tagliò e tagliò ed io dai capelli lunghi alle spalle mi sono ritrovata con capelli corti e pieni di scale, ma alla fine le ho detto che erano carini e andò via soddisfatti, ma appena chiusa la porta di casa mia mamma mi mise soldi in mano e disse "ok vai dal parrucchiere ad aggiustare il taglio e così feci e fu il taglio più corto che ho avuto e da quel momento -ho foto che lo provano e ogni volta mi domando come mai io non abbia bruciato quelle foto-li ho sempre voluti lunghi, ma lo ammetto ce li ho mossi fini colorati e incasinati,..i capelli lunghi sono belli ma vanno curati ed io prima prendevo shampoo con Hennè e aceto di mora e poi un fluido districante...

Però lo ammetto da quando sto utilizzando lo shampoo della lush i miei capelli sono più belli e più morbidi e lo ammetto devo ancora provare la maschera che la ragazza del negozio, lo ho detto che qui tutti i dipendenti sono super simpatici?, che mi ha spiegato di sciogliere metà fiorellone con acqua bollente prima di lavare i capelli e tenerla in posa 5 minuti. 


Ormai è un mese che utilizzo lo shampoo ed i capelli sono sempre perfetti, anzi hanno quel leggero profumo di agrume proprio niente male, quindi nonostante non siano spese super economiche, sono acquisti che valgono fino all'ultimo centesimo, in più i prodotti Lush sono naturali handmade e cruelty free!!!


Commenti

  1. Io ho avutu un'esperienza simile ma ugualmente traumatica, ho portato i capelli lunghi fino a metà schiena all'incirca dai 12 ai 18 anni, poi però tra piastra e colore (dato che ce li ho mossi li piastravo tutti i giorni e in più intorno ai 17 anni ho pure iniziato a fami castana)si erano rvinati così ho dovuto tagliarne un bel pezzo, ma vabbè avervo una specie di carrè che mi andava pure bene, la tragedia è avvenuta il giorno prima della laurea, quando sono andata da un parrucchiere "famoso" per sistemarli e sono uscita con un pixie cut!!! Non ti dco i pianti! Non che mi stesse particolarmente male, ma io li ho sempre voluti lunghi i capelli! Da allora solo parrucchiere di fiducia!
    Quanto ai prodotti, questi della Lush non li ho mai provati, ma io ho scoperto che l'olio di cocco è miracoloso per i capelli, ci fai un'impacco un paio di ore e poi li lavi, vengono una meraviglia! E come anticrespo tutti i giorni invece uso l'olio di Argan, è costosetto, ma vale ogni centesimo!
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco allora puoi capire, per parrucchiera ora che ho la mia di fiducia non la mollo anche se lo ammetto non ci vado spesso. I prodotti della Lush sono ottimi e il personale di quello di via del corso è gentile simpatico e preparato ma ora sono chiusi per rinnovo locale e ce ne è un altro in via del gambero oppure direttamente online...per l'olio di argan confermo lo uso pure io per districare la massa leonina dopo lo shampoo e prima del phon!!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

SILVIA'S INTERVIEW

E' da un pò che ci penso vorrei intervistare alcuni dei blogger che mi piacciono e quindi questa è la prima intervista di una piccola serie... Oggi facciamo due chiacchiere virtuali con Silvia di S in Fashion Avenue (in rosso i miei commenti e le foto le ho "rubate" dal suo instagram:P)

Allora iniziamo, presentati:
Allora eccomi con le domande, cercherò di esser il più possibile stringata, anche se come ormai saprai non ho il dono della sintesi. Mi chiamo Silvia Negretti e vivo a Roma(io ormai sono innamorata di questa meravigliosa città e ora che so che abiti in un complesso tipo Merlose Place prima o poi mi autoinvito a casa tua per nuotare:P), ho un’infinità di hobbies, quindi citerò solo quelli che pratico più frequentemente: sport, disegno (ho una laurea in fashion design ed anche fatto dei lavoro come illustratrice di moda per alcune riviste)-trovo che sia un lavoro fighissimo-, viaggi, fotografia, lettura, danza, shopping (ovviamente ^^), una passione per animali, f…

HAPPY MIND

Qualche mese fa entrando in libreria ho notato un sacco di libri dedicati allo stile "felice" del Nord Europa, ho voluto sfogliare un libro Hygge, ma ammetto di NON averlo voluto comprare anche perchè è già da un pò che ho deciso di voler guardare il bicchiere mezzo pieno ed ho fatto mia la frase " un sorriso costa meno dell'elettricità ma fa altrettanta luce"  ma volendo cercare sul web alla parola mindfulness ecco cosa si trova: Mindfulness è la traduzione di "sati" che in lingua pali, il linguaggio utilizzato dal Buddha per i suoi insegnamenti, significa essenzialmente consapevolezzaattenzione, attenzione sollecita. Queste qualità dell'essere possono venire coltivate attraverso la meditazione. Nella tradizione buddhista la samma sati (retta consapevolezza) è una delle vie del Nobile Ottuplice Sentiero, l'ultima delle Quattro Nobili Verità. La moderna mindfulness è una tecnica psicologica basata su questa e altre tradizioni meditative. Desc…