Passa ai contenuti principali

LE RICETTE DI MIA MADRE: AD OCCHIO (PART 1)

Un sabato abbastanza libero perchè poi ricevi una chiamata all'ultimo del basr per la domenica pomeriggio e visti gli obiettivi finanziari da raggiungere non si dice no a nessuna entrata extra... così sabato vola dormendo un pò di più e facendo tutto con molta calma, andare a piedi al supermercato dentro il centro commerciale vicino casa, gustarsi un cappuccino senza fretta e passare il pomeriggio in campagna con i tuoi...

In famiglia siamo tutti bravi a cucinare,cioè pure mio fratello ha imparato per necessità e papà quando stava meglio era un super chef, molti ancora ricordano le sue crostate di frutta, ma ora è tutto cambiato (ma questa è un altra storia e solo chi vive a contatto con la demenza potrebbe capire)...io lo ammetto ho imparato guardando mia madre e poi lo ammetto nonostante non disdegni il dolce i miei piatti forti sono salati...a mia madre riesce bene tutto, cioè fa dei biscotti/ciambelloni alle mele che sono la fine del mondo e sono morbidissimi... Leggendo le ricette e seguendo trasmissioni televisive, chiunque dice che nella pasticceria occorre essere precisi aka seguire le dosi...ecco chiedi a mia madre una ricetta e lei non ha problemi nel darti gli ingredienti ma al momento delle quantità ,lei ti dice FAI AD OCCHIO, 
video

Allora io so che di ricette dentro uno sportello della cucina ce ne sono a miliardi, tutti fogliettini che prima o poi vanno rimessi in ordine, penso che comprerò presto un quaderno per trascriverle, ma mia madre no, imperterrita anche quando segue delle ricette in tv segna quali ingredienti e la preparazione ma sulle quantità rimane sempre FACCIO AD OCCHIO e il bello è che il suo occhio ormai è super allenato visto che le riesce tutto bene.

Comunque mettiamo che hai una cena a casa di amici e vuoi portare un pensiero dolce, ma invece di comprare i cioccolatini perchè non fai un bel SALAME DI CIOCCOLATA? Ovviamente le quantità sono ad occhio tranne per le uova (2)...
Ti servono:
burro
zucchero
uova
caffè
cacao (quello amaro rende meglio nella preparazione dei dolci)
biscotti tritati (consigliati oro saiwa e amaretti)
noci (facoltative)

Preparazione: In un pentolino fai sciogliere il burro con lo zucchero e il cioccolato, spegni il fuoco e aggiungi i biscotti tritati, le uova, il cacao ed il caffè e maneggia. ( si il composto è caldo quindi secondo me le uova si cuoceranno un pò occorre maneggiare con forza ). La frutta seca è facoltativa ma secondo me gli danno quella croccantezza e quel gusto in più...
Distribuisci il composto ottenuto nella pellicola trasparente e metti in frigo per diverse ore. 
Tirare fuori dal frigo e tagliare al momento di servire!!!

Commenti

  1. Anche mia mamma fa "ad occhio" ed è una cuoca eccezionale (così come mia zia e mia nonna materna), oltretutto essendo di origini napoletane ti puoi immaginare la quantità di cose che sa cucinare! XD
    Io invece ho preso dal ramo paterno, in cui sono tutti "buone forchette" ma nessuno ama troppo stare ai fornelli!
    Il salalme al cioccolato è uno dei dolci che preferisco, mia mamma ci mette dento le mandorle e i canditi (tanto per rimanere leggeri) ma ho l'impressione che anche il tuo sia ottimo! :)
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io entrambe le cose mi rilasso in cucina e amo mangiare, ma non puoi capire come mi urti che lei fa ad occhio e le riesce tutto perfettamente io seguendo la ricetta precisa non riesco a fare i biscotti morbidi come i suoi. Per il salame questo è ottimo con la frutta secca, ma credo anche con i canditi sia molto buono!!!

      Elimina
  2. Salami chocolate?? Never heard of it but it sounds delicious!

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

SILVIA'S INTERVIEW

E' da un pò che ci penso vorrei intervistare alcuni dei blogger che mi piacciono e quindi questa è la prima intervista di una piccola serie... Oggi facciamo due chiacchiere virtuali con Silvia di S in Fashion Avenue (in rosso i miei commenti e le foto le ho "rubate" dal suo instagram:P)

Allora iniziamo, presentati:
Allora eccomi con le domande, cercherò di esser il più possibile stringata, anche se come ormai saprai non ho il dono della sintesi. Mi chiamo Silvia Negretti e vivo a Roma(io ormai sono innamorata di questa meravigliosa città e ora che so che abiti in un complesso tipo Merlose Place prima o poi mi autoinvito a casa tua per nuotare:P), ho un’infinità di hobbies, quindi citerò solo quelli che pratico più frequentemente: sport, disegno (ho una laurea in fashion design ed anche fatto dei lavoro come illustratrice di moda per alcune riviste)-trovo che sia un lavoro fighissimo-, viaggi, fotografia, lettura, danza, shopping (ovviamente ^^), una passione per animali, f…

HAPPY MIND

Qualche mese fa entrando in libreria ho notato un sacco di libri dedicati allo stile "felice" del Nord Europa, ho voluto sfogliare un libro Hygge, ma ammetto di NON averlo voluto comprare anche perchè è già da un pò che ho deciso di voler guardare il bicchiere mezzo pieno ed ho fatto mia la frase " un sorriso costa meno dell'elettricità ma fa altrettanta luce"  ma volendo cercare sul web alla parola mindfulness ecco cosa si trova: Mindfulness è la traduzione di "sati" che in lingua pali, il linguaggio utilizzato dal Buddha per i suoi insegnamenti, significa essenzialmente consapevolezzaattenzione, attenzione sollecita. Queste qualità dell'essere possono venire coltivate attraverso la meditazione. Nella tradizione buddhista la samma sati (retta consapevolezza) è una delle vie del Nobile Ottuplice Sentiero, l'ultima delle Quattro Nobili Verità. La moderna mindfulness è una tecnica psicologica basata su questa e altre tradizioni meditative. Desc…