Passa ai contenuti principali

MILLENIALS

Si è vero faccio parte della generazione millenials, praticamente quelli amici della tecnologia ma con conoscenza di cose "vecchie"...c'è la possibilità del remote working ma molti di noi sognano ancora il posto fisso, qualche garanzia in più non sarebbe male...

Un pò di tempo fa qualche politico ci ha definito bamboccioni ed un altro ha detto che era meglio perdere qualche cervello...ma io vorrei soffermarmi un attimo nel dire la mia...secondo me siamo una generazione un pò sfigata ma allo stesso tempo più creativa,cioè parlando con una mia amica le ho detto possiamo dire alla Raggi di assumerci per redigere il bilancio, siamo maghe di strategie del low cost...sinceramente vorrei vedere un politico che riesce a vivere con 500/600 al mese ( e alcuni anziani devono farlo con meno)....c'è chi ha avuto fortuna e dopo gli studi ha trovato lavoro, chi invece dopo laurea e master si trova a fare lavoretti per arrivare alla fine del mese...ecco in questo la generazione millenials è flessibile e veramente brava.

Io sono nata nell'84, so usare la tecnologia ma so che vuol dire avere la connessione 56 K lentissima so che vuol dire riavvolgere un nastro di una musicassetta con una penna/matita, vallo a chiedere a un quattrenne di oggi, non sanno e non sapranno mai cosa siano state certe cose ma sicuramente sanno  usare il touch screen meglio di me.
Nonostante abbia uno smartphone, ancora amo avere una agenda cartacea -che di solito inizio a cercare verso ottobre-dove scrivere con la penna le cose, anche i post prima di essere battuti, vengono scritti su carta...

Alla domanda che lavoro fai? Di solito la mia prima risposta è: Quanto tempo ho per rispondere? Non nego che mi piacerebbe avere un lavoro come Carrie Bradshow e mantenermi con la scrittura, sognare non costa nulla, ma purtroppo non è andata così...dopo la maturità turistica mi sono iscritta ad economia, ma dopo un pò ho capito che non faceva per me e mi sono messa a fare più lavori per non pesare sulle finanze dei miei, poi ho deciso di fare un corso per Operatore socio Assistenziale con specializzazione disabili (che a parte i tirocini non ho avuto modo di sfruttare), un anno ho chiesto un finanziamento per la vacanza Americana e bhè dopo un paio di mesi ho perso il lavoro e quindi con un debito da ripagare ho cercato lavori in ogni campo e alla fine da settembre 2015 sono assolutamente senza DEBITI...lo ammetto è stata dura capire l'importanza di avere un budget ma ora anche se lo amo e lo odio non potrei vivere senza...comunque i millenials sono una generazione che o "scula" (scusate il francesismo) e riesce a viaggiare per il mondo ed essere pure pagato per farlo (per fare ciò mi offro volontaria pure io se dovesse servire)oppure collezionano contratti del cavolo (e già si è fortunati ad avere il contratto) e guadagnare qualche soldo per arrivare alla fine del mese, ma spesso non si può prendere casa da soli perchè la busta paga è inconsistente, allora che fai? trovi camere in condivisione anche dopo i trenta oppure fai come me che me ne rimango a vivere con i miei così non ho affitto da pagare e posso mettere da parte un pò di soldi ok lo ammetto a volte vorrei andare via ma visti i problemi di salute di papà preferisco rimanere vicino a mia madre (di figlio idiota credo possa bastare mio fratello) e alla fine gestisco tre lavori alla volta, in alcuni periodi anche quattro, anche perchè ho importanti obiettivi finanziari da raggiungere e mettere da parte una cifra X , senza pesare sui miei -perchè affitto a parte io mi pago tutto da sola-implica:

-destinare la maggior parte dei week end al lavoro al bar (ma io lo amo e mi diverto a farlo e credo che si veda)
-coprire le spese settimanali con il ricavato  del lavoro come dog sitter e ultimamente cerco anche di mantenere qualcosa
-Fare la baby sitter ed essere più informata sui cartoni che sulle star di ora 
-tornare a lavorare part time al call center,non è che faccia i salti di gioia ma c'è un contratto ed un guadagno che mi permette di risparmiare di più e raggiungere i miei obiettivi finanziari prima
-innamorarsi di vestita di marca guardare il prezzo e  poi cercare la versione simile ma assolutamente low cost (grazie H&M, TallyWejil, Bershka, Piazza Italia Oviesse, Bonprix)
-rinunciare a cene-pranzi-aperitivi perchè sei in bolletta 
-gestire più lavori insieme (io lo ho detto che questa storia del multitaskiing è un pò una fregatura),  cercare side hustle per aumentare le entrate
-avere un budget e rispettarlo 
-diventare maestri del riciclo e del fai da te (ovviamente senza diventare extreme cheapskater)

#PENSIAMOPOSITIVOCHEE'MEGLIO#SORRIDERESEMPRE

Commenti

  1. Io credo che più che altro siamo la generazione che si è trovata incastrata nella megacrisi economica che ci ha fregato un pò tutti e quindo volenti o nolenti abbiamo dovuto inventarci qualcosa per campare.
    Anche perchè oggi il posto fisso è un'utopia e con i contratti di stage puoi stare nelle aziende più prestigiose ma rimani a fare la schiava non pagata all'infinito ( e questo lo so per esperienza), altro che la storia della gavetta! Quindi o ti inventi un sistema per guadagnare, ma in quel caso ci vuole tempo ed una bella dose di fortuna, o ti arrabbatti tra mille lavoretti (spesso in nero), non ci sono alternative...
    E i "vecchi" che si sono magiati tutto e ci hanno messo loro in questa siatuazione vengono pure a prenderci in giro dandoci dei bamboccioni o dei superficiali che non volgiono metter su famiglia!
    Insomma siamo la generazione che è rimasta più fregata secondo me, ma chissà che tutto sto casino non ci renda pionieri di un nuovo stile di vita! ^^
    Baci!
    S
    https://s-fashion-avenue.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Il tuo ragionamento è perfetto e si vorrei aprire qualcosa di mio ma non ho intenzione di ipotecare la casa dei miei aka devo mettere da parte un gruzzolo solo mio da poter rischiare. La nostra è una generazione super flessibile e speriamo serva a qualcosa per le generazioni future.
    Baci

    RispondiElimina
  3. I think that millennials are a very determined generation. As you pointed out, millennials "make it work" one way or another, whether that means a full-time job or two to three part-time jobs, one way or another we make ends meet. I also think millennials typically desire "more" out of life and are constantly working towards something greater.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. True millenials are flebile able to manager to or Three workshop At same time...but believe me sometimes is hard...

      Elimina
  4. Tutto vero quello che ho letto nel tuo post.
    Sai che ho anche io il libro La mia vita non proprio perfetta? O iniziato proprio ieri a leggerlo, e molto carino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il libro è carinissimo anche se ammetto di essere solo al decimo capitolo e sui millenials siamo una generazione precaria flessibile e super creativa se è un bene o un male ancora non l'ho capito!!!

      Elimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

HAPPY MIND

Qualche mese fa entrando in libreria ho notato un sacco di libri dedicati allo stile "felice" del Nord Europa, ho voluto sfogliare un libro Hygge, ma ammetto di NON averlo voluto comprare anche perchè è già da un pò che ho deciso di voler guardare il bicchiere mezzo pieno ed ho fatto mia la frase " un sorriso costa meno dell'elettricità ma fa altrettanta luce"  ma volendo cercare sul web alla parola mindfulness ecco cosa si trova: Mindfulness è la traduzione di "sati" che in lingua pali, il linguaggio utilizzato dal Buddha per i suoi insegnamenti, significa essenzialmente consapevolezzaattenzione, attenzione sollecita. Queste qualità dell'essere possono venire coltivate attraverso la meditazione. Nella tradizione buddhista la samma sati (retta consapevolezza) è una delle vie del Nobile Ottuplice Sentiero, l'ultima delle Quattro Nobili Verità. La moderna mindfulness è una tecnica psicologica basata su questa e altre tradizioni meditative. Desc…

SANREMO SECONDA SERATA: PARLIAMO DI LOOK

Qest'anno ho deciso di guardarlo ma arrivo ad un certo punto ed il sonno vince però con rai replay vedo quello che mi sono persa e in alcuni casi devo dire meno male...
Iniziamo a parlare del look di Carlo Conti e la scelta migliore rispetto alla prima sera, oddio qualunque giacca scura sarebbe stata meglio di quella "da vecchio" della prima sera....comunque si inizia con le nuove proposte e lo devo dire ho una profonda invidia per i capelli di Marianne Mirage, che ha scelto un look molto bello ed elegante, la canzone è anche molto bella e secondo me avrà successo (e prima l'hanno passata in radio un paio di volte), Francesco Guasti e ok lo devo dire io ho un debole per gli uomini con la barbetta ma qui si esagera però il look non mi dispiace per niente e la canzone...si mi è piaciuta, gran bel timbro vocale il ragazzo, il terzo ad esibirsi è Braschi, giovane carino con la faccia da bravo ragazzo, canzone carina ed orecchiabile ma se devo dire se mi è piaciuta o meno,…