Passa ai contenuti principali

BAR: LE 3 C

Io adoro lavorare al bar perchè è un lavoro che se lo inizi per guadagnarsi due soldi, lo continui perchè ti appassioni , ora il fatto che uno ci guadagna non è negativo, ma si vede la differenza tra uno che lo fa con piacere e uno che lo fa solo per dovere...comunque nonostante siamo anni che lavoro nell'ambiente e lo ammetto nonostante al termine di tornei sportivi scopro muscoli indolenziti in luoghi in cui neanche sapevo di avere muscoli, imparo sempre cose nuove.

Ieri c'era un torneo di 4° categoria di ping pong, non voglio dire vecchi anche perchè qualche bambino c'era, ma la maggior parte era sopra i 40,..Caffè su caffè, diversi caffè al ginseng (a cui ho visto aggiungere lo zucchero nonostante la miscela sia già zuccherata), un accompagnatore che si è bevuto da solo una bottiglia di prosecco (un bicchiere alla volta, non tutta insieme), mangiano molto (i panini con la porchetta sono andati via che è una meraviglia, io non mangio la porchetta ma questa è un'altra storia)...ogni atleta di un torneo ha gusti a se, ormai li stiamo imparando un pò tutti e visto che con alcuni atleti ed alcuni arbitri sono nate amicizie al di fuori del lavoro, ne abbiamo approfittato per chiedere informazioni.

Ieri una coppia di atleti sulla cinquantina viene al bar, mentre stavo ripulendo il bancone (non credo sia piacevole per un cliente mangiare sulle molliche di qualcun'altro) e con la musica in sottofondo ballicchiavo pure, vabbè la mia caffeina era in circolo già da un pò, comunque tutta sorridente (potere della caffeina) chiedo: "ditemi" e uno dei due fa "io un caffè, lui -indicando l'altro atleta-dice chefuori dalla campania non prende il caffè" ed io che continuo ad essere sorridente "anche il nostro è buono" e l'altro atleta un pò dubbioso fa "se ne fai uno con le tre 3 c lo provo"...

Ora io sono della scuola di pensiero che il caffè è caffè , può essere più o meno buono ma se ho voglia di caffè io metterei direttamente la testa sotto il braccio della macchina del caffè, oppure me lo faccio nel bicchierino di plastica, basta che prendo la mia dose di caffeina e sono a posto...molti clienti no!

Se un paio di anni fa la mia prima reazione sarebbe stata "le tre che?" ora no, anche perchè un arbitro napoletano ce lo ha spiegato molto bene, il caffè con le 3 C è un caffè in tazza di coccio bollente da far dire "come cazzo coce",..quindi se mai ti capitasse un cliente campano diciamo che è meglio farti trovare preparato/a quindi prepare il caffè nel braccio della macchina, prendi le tazzine più calde e hai due opzioni a-scaldi ancora di più le tazzine o b)prendi quelle sul retro che di solito sono le più calde, poi prepari il caffè ristretto ma non troppo e servi, se sulla loro faccia compare la smorfia di "come cazzo coce" sei a posto.
Alla fine mi hanno fatto i complimenti per la bontà del caffè seppur di una marca a loro sconosciuta.

Consiglio : accompagnate sempre il caffè con le 3 c con un bicchiere di acqua possibilmente con le bollicine e fresca, fidatevi berranno sia prima che dopo!!!

Commenti

Post popolari in questo blog

MY MONEY WEEKLY CHECK UP

HAPPY MIND

Qualche mese fa entrando in libreria ho notato un sacco di libri dedicati allo stile "felice" del Nord Europa, ho voluto sfogliare un libro Hygge, ma ammetto di NON averlo voluto comprare anche perchè è già da un pò che ho deciso di voler guardare il bicchiere mezzo pieno ed ho fatto mia la frase " un sorriso costa meno dell'elettricità ma fa altrettanta luce"  ma volendo cercare sul web alla parola mindfulness ecco cosa si trova: Mindfulness è la traduzione di "sati" che in lingua pali, il linguaggio utilizzato dal Buddha per i suoi insegnamenti, significa essenzialmente consapevolezzaattenzione, attenzione sollecita. Queste qualità dell'essere possono venire coltivate attraverso la meditazione. Nella tradizione buddhista la samma sati (retta consapevolezza) è una delle vie del Nobile Ottuplice Sentiero, l'ultima delle Quattro Nobili Verità. La moderna mindfulness è una tecnica psicologica basata su questa e altre tradizioni meditative. Desc…

SANREMO SECONDA SERATA: PARLIAMO DI LOOK

Qest'anno ho deciso di guardarlo ma arrivo ad un certo punto ed il sonno vince però con rai replay vedo quello che mi sono persa e in alcuni casi devo dire meno male...
Iniziamo a parlare del look di Carlo Conti e la scelta migliore rispetto alla prima sera, oddio qualunque giacca scura sarebbe stata meglio di quella "da vecchio" della prima sera....comunque si inizia con le nuove proposte e lo devo dire ho una profonda invidia per i capelli di Marianne Mirage, che ha scelto un look molto bello ed elegante, la canzone è anche molto bella e secondo me avrà successo (e prima l'hanno passata in radio un paio di volte), Francesco Guasti e ok lo devo dire io ho un debole per gli uomini con la barbetta ma qui si esagera però il look non mi dispiace per niente e la canzone...si mi è piaciuta, gran bel timbro vocale il ragazzo, il terzo ad esibirsi è Braschi, giovane carino con la faccia da bravo ragazzo, canzone carina ed orecchiabile ma se devo dire se mi è piaciuta o meno,…